18 Maggio 2024

Al via il primo dei tre appuntamenti della rassegna Picasso, L’amore e L’eros, organizzata dall’associazione Itinerarte, con la direzione artistica di Mario Serra e il coordinamento degli incontri di Olga Scotto Di Vettimo. Sabato 18 novembre, dalle 11.00 alle 13.00 il TIN – Teatro Instabile Napoli, in vico del Fico al Purgatorio ospiterà un incontro d’arte dedicato a Picasso e alla sua audacia nel trattare l’eros come un tema di natura artistica, sfidando le convenzioni del suo tempo e favorendo  l’apertura verso una maggiore libertà d’espressione. L’incontro si svilupperà con gli interventi di: Luigi Fabio Mastropietro e Mari Correa in La Luna e Il Minotaurolettura teatrale con musiche originali; Tommaso Evangelista in Picasso e l’eros – Il percorso di una vita; performance di danza a cura di Akerusia Danza, con musiche di Salvatore Sciarrino; coreografie di Elena D’Aguanno; danza Marcella Martusciello; costume di Annalisa Ciaramella.


PROGRAMMA

La Luna e Il Minotauro


Luigi Fabio Mastropietro e Mari Correa mettono in scena La Luna e il Minotauro – nel labirinto di Pablo Picasso, un reading teatrale appositamente scritto per la kermesse. Attraverso la lettura di frammenti di testi inediti e di documenti editi (lettere, poesie, biografie, saggi) e la colonna sonora originale composta per l’evento da Mari Correa, La Luna e il Minotauro evoca un percorso a due voci che indaga la relazione triangolare arte/ eros/thanatos nella vicenda esistenziale di Pablo Picasso e Dora Maar, artista di grande talento, eclissata in quanto musa e compagna di Picasso.

Picasso e l’eros – Il percorso di una vita

Tommaso Evangelista

Il rapporto di Pablo Picasso con l’eros, esplorato nelle diverse fasi della sua carriera artistica, è un viaggio affascinante attraverso la complessità delle emozioni e della sessualità umana. Dagli anni del periodo blu nel quale ritrae il sesso in modo crudo e doloroso, con  il “Periodo Rosa” la visione di Picasso diviene più ottimistica e romantica. Durante il cubismo esplora l’eros attraverso una lente più astratta e frammentaria. Ma è con la “Suite 347”, una serie di incisioni del 1968, che Picasso affronta apertamente il tema del sesso con opere audaci, erotiche e spesso esplicite.

Performance di danza contemporanea
Akerusia Danza

Mettere insieme i differenti linguaggi dell’arte contemporanea è il filo conduttore delle performance di produzione Akerusia Danza. Per questa rassegna, le musiche di Salvatore Sciarrino e il costume appositamente elaborato da Annalisa Ciaramella ispirandosi ai bozzetti di Pablo Picasso, sono stati da guida rispetto alla creazione del movimento corporeo, che è partito da suoni, forme e colori per dare un proprio taglio. Questa fusione tra arte e danza, avallata dalla grande personalità di Picasso che in qualche modo accompagna la creazione generale, ispirandola, è un’occasione per ribadire che la danza contemporanea è arte contemporanea e come tale va letta e interpretata.


Fino al 16 dicembre è possibile visitare la mostra al TIN con i disegni e un video in loop di Mario Serra e un’opera ceramica di Raffaella Savastano

Print Friendly, PDF & Email
Pubblicità
Verified by MonsterInsights