18 Maggio 2024

Prorogata fino al prossimo venerdì 29 marzo la mostra “I miei colori per Eduardo” con cui il regista e scenografo Bruno Garofalo, sodale collaboratore sia di Eduardo che di Luca De Filippo, ha voluto rendere omaggio al grande Maestro nell’anno in cui se ne celebra il 40 anniversario della morte (il 31 ottobre del 1984), ma anche i  70 anni della riapertura (il 22 gennaio del 1954) del suo teatro, il San Ferdinando di Napoli.

Promossa dalla Fondazione Eduardo De Filippo – presieduta da Tommaso De Filippo e diretta da Francesco Somma – la mostra è stata allestita nelle sale della sua sede al primo piano dello storico Palazzo Scarpetta in Via Vittoria Colonna a Napoli.

“Tante presenze e tutte entusiaste – sottolinea Francesco Somma, direttore della Fondazione – ci hanno spinto prorogare l’apertura della mostra di Bruno Garofalo di altre 3 settimane”.

Visitabile ad ingresso gratuito fino al 29 marzo, dal lunedì al venerdì (ore 10 – 14, ma per gruppi organizzati sono possibili anche aperture straordinarie), il  percorso espositivo è progettato e curato da Francesca Garofalo. Accoglie ricordi e testimonianze (in video e in voce) ma anche disegni, bozzetti, stampe, costumi e pezzi di scenografia, tra quelle che per 12 anni (dal 1967, quando entra a far parte della Compagnia “Il Teatro di Eduardo”) Bruno Garofalo ha realizzato per il Maestro.

Un percorso che offre al pubblico il raro privilegio di entrare nel Teatro di Eduardo, accolto all’ingresso dalla ricostruzione del botteghino, tra locandine e manifesti dell’epoca ( “Na Santarella”, “Questi fantasmi!”, “Cani e gatti”, “Ogni anno punto e da capo” e “Sabato, domenica e Lunedi”, tra le altre)  in un allestimento che si avvale della collaborazione di Matteo Garofalo (per la parte tecnica), di Claudio Garofalo (per la realizzazione dei contributi video) e di Maria Procino storica e archivista conservatore nonché per anni curatrice dell’archivio Eduardo De Filippo (oggi conservato al Vieusseux di Firenze).

Dal botteghino si passa alla sala centrale che, oltre alle due installazioni video in cui si riproducono in loop frammenti di interviste (da Tommaso Bianco ad Angela Pagano, ad esempio) e di alcuni spettacoli teatrali, accoglie uno spaccato di palcoscenico. Praticabile per entrambi i lati  mostra, sul davanti, la scena di “Napoli Milionaria” nonché alcuni costumi originali di varie commedie (conservati presso il CTN 75 di Canzanella) mentre sul lato opposto apre un possibile “retropalco”, tra bozzetti, un baule di sartoria, corde, cantinelle, teli e colori introducendo i visitatori “dietro le quinte” del teatro del Maestro. “Entrando infine nell’ultima sala – conclude Bruno Garofalo –  i visitatori troveranno al centro della stanza una piccola isola trafitta centralmente dall’albero maestro di un relitto di nave, circondata dal mare in tempesta. Questa è una parte della scena, mai realizzata, che avrei voluto proporre a Eduardo per l’allestimento de “La tempesta” di Shakespeare di cui, su invito dell’editore Giulio Einaudi, aveva, alla fine della sua parabola di vita e di teatro, ultimato la traduzione”. Info: tel. 0812189577 –www.fondazionedefilippo.it

Fondazione Eduardo De Filippo

“I miei colori per Eduardo”

Bruno Garofalo per il Teatro dei De Filippo

testimonianze, disegni e realizzazioni

Inaugurata il 15 gennaio 2024

Aperta fino al 29 marzo 2024

Palazzo Scarpetta, Via Vittoria Colonna 4, Napoli

Progetto a cura di Francesca Garofalo

Direzione Tecnica Matteo Garofalo

Realizzazione Video Claudio Garofalo

Ricerche Archivistiche Maria Procino

Realizzazione Scenografica Imparato e figli

Costumi C.T.N.75 Canzanella

Stampe fondali Artefatto srl

Sistemi multimediali ISI Congress

Fino al 29 marzo 2024

Orario mostra: dal lunedì al venerdì, dalle ore 10 alle ore 14

(chiusa il sabato e la domenica)

Aperture straordinarie per gruppi su prenotazione.

info: info@fondazionedefilippo.it tel. 081 2189577

Print Friendly, PDF & Email
Pubblicità
Verified by MonsterInsights