18 Aprile 2024
RC Auto, la stangata nella stangata: a Napoli e in Campania l'assicurazione costa il 73% in più della media nazionale

L’assicuratore Angelo Coviello (IGB Broker): “Chi beneficia davvero di questi aumenti? Non certo le compagnie ma lo Stato! E ai consumatori dico di verificare con il Preventivatore pubblico le migliori offerte”

 

NAPOLI – “Sono le donne, i giovani ed il personale sanitario a subire maggiormente i rincari RC Auto. Ma la stangata riguarda oltre 1 milione di utenti automobilisti e peserà per quasi 1 miliardo di euro sulle tasche degli italiani. L’aumento nel 2023 è stato stimato nell’8% circa, ma se andiamo ad analizzare il rapporto tra il premio medio dell’anno appena trascorso e quello del 2022 tale differenza arriva al 25%. Insomma, su un’economia domestica non parliamo di cifre da poco e il trend è destinato a peggiorare”. Parole di Angelo Coviello, imprenditore e broker assicurativo a capo di IGB Broker, che rielaborando e calando nel contesto regionale i dati sull’aumento dell’RC Auto evidenzia come per i cittadini campani tali rincari finiscono per diventare “una stangata nella stangata”.

Per assicurare una vettura in Campania serve spendere il 73% in più rispetto al costo nazionale. Il maggior rincaro è a Benevento col 28%, seguono Salerno (22,2%), Avellino (21,8%), Napoli (21,6%) e Caserta (18%). I maggiori costi li sosterranno i cittadini delle province di Napoli e Caserta. Napoli è seconda solo a Prato ma – considerando le differenti quote in termini di popolazione – non vi è dubbio che sarà Napoli la città più penalizzata“.

Ma non sono le compagnie ad arricchirsi

Coviello ha affrontato anche la questione economica sottolineando che “L’unico vero soggetto a beneficiare del tutto di tali aumenti è lo Stato, che tassa al 12,5% le polizze. Un aumento del 25% sulla polizza si traduce letteralmente nel 25% di maggiore gettito di imposte per le casse erariali. Le compagnie di assicurazione ammortizzano con gli aumenti le loro spese (dovute al lievitare dei costi di riparazione a causa della spirale inflattiva e all’incremento dei numeri di sinistri). Ad essere veramente penalizzati finiscono per essere sempre e solo i cittadini”.

Come può difendersi il consumatore?

Sul caro RC Auto il consumatore finale può poco. Ma ha gli strumenti per cercare di ridurre al minimo i danni. Uno in particolare, come ricorda Coviello: “C’è uno strumento comparatore pubblico messo a disposizione dall’Istituto di Vigilanza che si chiama ‘PreventivAss‘. Basta cliccare su preventivass.it e con pochi passaggi verificare la tariffa più conveniente a cui l’utente può accedere”.

“Infine, è sempre bene rivolgersi a un esperto, al proprio broker o assicuratore di fiducia, per farsi suggerire alcuni piccoli accorgimenti che servono a limare e non di poco il premio assicurativo, come ad esempio la guida esclusiva o l’installazione delle clear box“.

Print Friendly, PDF & Email
Pubblicità
Verified by MonsterInsights